Kids digital detox

La definizione di Kids digital detox (disintossicazione digitale nei bambini)

  1. Quell’attività volta a portare consapevolezza nei genitori dei danni causati dall’abuso del tempo/schermo.
  2. Un livello di consapevolezza relativo ai danni del tempo/schermo nei bambini, accompagnato dalla conoscenza di cosa poter fare per allontanare i piccoli da un ossessione verso gli schermi, ovvero come sostituire e riportare alla vita i giovani coinvolti nel tempo/schermo.

Questa definizione arbitraria è stata così definita per i seguenti fattori.

  1. Il primo riguarda il fatto che i genitori sono i primi promotori nei giovanissimi se non addirittura nei baby, di un uso degli schermi continuo. Lo schermo “calma” e permette ai genitori di gestire meglio le proprie faccende. Questi genitori non potrebbero mai cominciare una disintossicazione verso i bambini senza essere consapevoli dei danni causati dal tempo/schermo
  2. Il secondo fattore riguarda lo status quo. Oggi avere il proprio figlio con cellulare o junior IPad, equivale ad averlo con occhiali, ortodonzia e Adidas alla moda. In molti casi un genitore fornisce o accetta l’acquisto del device per uniformarsi ad una situazione di costumi. Senza la consapevolezza della tossicità, nessun genitore metterebbe in discussione il costume con il rischio di sentirsi “unico” nel suo genere.
  3. Un bambino ipnotizzato da un device diventa a volte così difficile e asociale da staccare da uno schermo, che il genitore senza strumenti si arrenderebbe subito durante una attività di allontanamento. C’è bisogno di un’attività non solo indirizzata ai danni, ma anche agli strumenti da usare.

Questo è un articolo tradotto sul soggetto uscito su una rivista americana e scritto da  Molly DeFrank.

Durante la pandemia, milioni di bambini hanno trascorso mesi a studiare online. Gli studi dimostrano che i bambini americani trascorrono lì gran parte della giornata, e non solo per la scuola.

Per alcuni, è diventata una dipendenza.

Ecco perché Molly DeFrank dice a CBN News che è tempo di una disintossicazione digitale. Il suo nuovo libro, Digital Detox: The Two Week Tech Reset for Kids è stato ispirato dalla sua stessa famiglia e dalla loro esperienza.

“Avevamo notato alcuni comportamenti nei nostri ragazzi dopo lo schermo che non ci piacevano molto”, ha detto DeFrank a Faith Nation della CBN. “Ed è stato solo quando abbiamo staccato la spina per tutto il loro tempo di intrattenimento in streaming che abbiamo raffreddato il tacchino* (*slang americano che significa un immediato e non graduale allontanamento da qualcosa di cui uno è diventato dipendente, tipo una droga), abbiamo dato loro una pausa e solo quando l’abbiamo fatto è stato come rimuovere un filtro dai nostri bambini. Finalmente abbiamo riavuto i nostri figli e da quando abbiamo preso questa decisione ho aiutato altri genitori a fare la stessa cosa”.

Il libro inizia guidando i genitori passo dopo passo attraverso una disintossicazione del tacchino freddo di due settimane per i loro figli.

“La maggior parte dei genitori che aiuto sono grandi genitori di bambini fantastici e stanno già lavorando per monitorare il tempo che i loro figli passano davanti allo schermo”, ha affermato DeFrank. “Stanno prendendo tempo per comportamenti scorretti e ne stanno aggiungendo un po’ e stanno scoprendo che ancora non funziona”.

Dice che dipende dalla chimica del cervello. Troppo tempo davanti allo schermo crea livelli eccessivi di dopamina nel cervello, il tipo di sostanza che può creare dipendenza. Per i bambini, è un problema che può seguirli nella loro vita adulta.

“Quello che stai effettivamente facendo è reimpostare i livelli di dopamina dei tuoi figli, perché quando stanno scorrendo, quando stanno giocando, quando stanno toccando, i loro livelli di dopamina nel cervello sono eccezionalmente alti”, ha spiegato DeFrank .

“La vita reale non può essere paragonata. Ecco perché si lamentano della noia quando fornisci loro questa finestra di due settimane per riportare i loro livelli alla vita normale. Stai dando loro il tempo di riaccendere l’amore per l’attività della vita reale”, ha aggiunto.

La seconda metà del suo libro aiuta i genitori a sviluppare una strategia a lungo termine usando le loro osservazioni durante il periodo di disintossicazione.

Quindi quanto spesso i genitori dovrebbero fare una disintossicazione digitale? DeFrank dice che è diverso per ogni famiglia e ogni bambino.

“Una volta che lo avrai calibrato e adattato ai tuoi figli e alla tua famiglia, dovresti stare bene per un po’, ma ci sono state famiglie in cui è andato di nuovo fuori posto e hanno fatto un’altra disintossicazione ed è risultato fantastico”, ha detto DeFrank.

Per la maggior parte delle famiglie, come la sua, non si tratta di eliminare la tecnologia, ma solo di assicurarsi che sia al posto giusto.

“Quasi tutti i genitori che mi hanno riferito i risultati hanno detto che i loro figli vanno d’accordo, trovano hobby produttivi nella vita reale e sono più felici, la loro salute mentale è migliore”, ha detto. ” Semplicemente su tutta la linea è stato vantaggioso per questi ragazzi”.

I suoi stessi figli ne sono una testimonianza.

In sole due settimane, dice che erano liberi dalla morsa della tecnologia, gli stati d’animo erano cambiati, la creatività era esplosa e hanno imparato a divertirsi e godersi la vita senza schermi.

E non è solo per i bambini, aggiunge DeFrank. Anche gli adulti possono beneficiare di una disintossicazione digitale.

“Anche molti di questi ingegneri e amministratori delegati della Silicon Valley si concedono pause di dopamina”, ha detto. “La prova è nel budino.*” (slang simile al nostro prova del nove)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *