Chat di classe, che stress.

Da strumento di potenziale coordinazione a groviglio di umori che poco aiutano i nostri figli, le chat delle classi sono un impegno da cui sembra non ci si possa ritirare.

Nate per il “benessere” dei figli diventano presto stressanti messaggi che rendono la scuola il posto peggiore dove invece sono atterrati. Come mai si sviluppa questo fenomeno sociale e come mai le persone lo trovano devastante, ma non ne escono?

Addirittura Monica Tonelli ne ha fatto uno spettacolo teatrale che andrà in scena il 22 e 23 settembre a Roma come riportato dal giornale Leggo (vedi link se interessato)

Parlandone con mia figlia che ha sua figlia nella scuola primaria, sono emersi dei fatti che possono essere utili per i genitori e che vado ad elencare:

  • La comunicazione dà i suoi frutti quando si sviluppa tra due persone o da una persona ad un potenziale pubblico. Se si sviluppa intorno ad una “tribuna politica senza conducente” non produce nulla se non confusione. Spesso i messaggi vanno fuori dallo scopo della chat, e spesso gli interventi sono così numerosi che non si riesce a seguire il filo logico.
  • Nella moltitudine esiste molto spesso un genitore (e a volte di più) ipercritico verso la scuola, l’insegnante o atteggiamenti di altri partecipanti alla chat. I suoi interventi per il politically correct vengono accettati (ognuno può dire la sua) ma sono come gettiti maleodoranti che altri devono sopportare. Quando nella comunicazione si inseriscono questi commenti malevoli e gratuiti, la comunicazione perde funzionalità.
  • A volte è presente quella madre che soffrendo di preoccupazione cronica, inserisce nella chat tutte le ragioni per cui essere preoccupati: la mensa, la nuova bidella, la pulizia dei bagnetti fino  alla palestra che ha delle finestre rotte.
  • La presenza di persone nella chat che presentano soluzioni e soprattutto le attuano è una chimera che quando appare viene quasi fraintesa. Eppure dovrebbe essere lo scopo primario.

Il digital detox può rappresentare un buon motivo per allontanarsi dalla chat e rendersi disponibile ad eventuali chiamate da parte di una sola persona. Questo potrebbe mettervi nella condizione di chiudere una porta di problemi, che serve a poco, riguardo alla scuola .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *